logo dell'istituto

Istituto Comprensivo "Arturo Toscanini"

Piazza Trattati di Roma 1957 n. 5
Casorate Sempione
Tel. 0331-29.61.82 - Fax. 0331-295563
e-mail: comprensivocasorate@ictoscanini.it

Organigramma | Documenti | Contatti | mappa

 

LE SCUOLE

CASORATE

Scuola dell'infanzia

Scuola primaria "Milite Ignoto"

Scuola secondaria di primo grado "A. Toscanini"

BESNATE

Scuola Primaria "D. Alighieri

Scuola secondaria di primo grado "A. Manzoni"

 

SCUOLA PRIMARIA "D. ALIGHIERI"
v. Don A. Molteni, Besnate
tel. 0331 273185


La scuola Primaria è poco distante dalla scuola Secondaria di primo grado e dalla scuola dell'Infanzia parrocchiale; inoltre all'interno della sua struttura esiste anche un servizio nido comunale. L'edificio scolastico è dotato di dieci aule e di altri spazi utilizzati per educazione al suono e alla musica, informatica, immagine, sala video, biblioteca, aula d'inglese, locale mensa, aula gruppi, aule per attività di sostegno, infermeria; spazio esterno a prato; palestra con piccoli e grandi attrezzi utilizzati in comune con la scuola secondaria di primo grado.

Ecco come gli alunni di quinta descrivono la loro scuola:

A sud di Besnate si trova la scuola primaria “Dante Alighieri”.
La sua posizione è proprio invidiabile perché l’edificio è situato su una verdeggiante collina, in un’area panoramica dominata in lontananza dalla maestosa catena delle Alpi. E’ una zona molto tranquilla, lontana dal traffico e dalla confusione, circondata da un’area boschiva e a un tiro di schioppo dal paese.
La strada, che porta alla scuola, è una via a senso unico e poco trafficata, animata solamente nei momenti di apertura della scuola e, per questo motivo, i nostri genitori ci permettono di percorrerla autonomamente.
Noi bambini durante il percorso formiamo all’inizio gruppetti sparuti, che a mano a mano si dilatano e, arrivati a scuola, si smembrano come cavalloni sulla spiaggia.
Di fronte ai cancelli percorriamo con furia la strada che collega il cancello all’ entrata; a nulla valgono i richiami delle bidelle. Solo quando la signora Marisa si pone davanti all’onda a braccia aperte, la folla si calma, si ricompone e si dirama nelle due ali. Un ramo volta a destra per raggiungere l’ala B e l’altro gira a sinistra per raggiungere l’ala A.
Per due ore intense noi bambini lavoriamo nelle nostre aule e quando arriva il momento della ricreazione ci “fiondiamo” nel prato adiacente all’ entrata. Quante giravolte sulla soffice coperta erbosa che non ha nulla da invidiare a quella dello Stadio di San Siro! Quante partitelle di calcio tra discussioni per falli chiesti e mai concessi!
Nelle calde e afose giornate di fine primavera la “pinetina”, ubicata sul lato est della scuola, ci accoglie nella sua rigenerante ombra. Quante corse su e giù per la collina per occupare gli angoli più nascosti e lontani dall’occhio vigile della maestra che ci scruta dall’alto a trecentosessanta gradi!
Nei momenti del “dopomensa” quante corse all’impazzata nella zona verde lastricata che sorge a ovest dell’edificio per raggiungere la “toppa” dopo essersi nascosti negli angoli più strategici!
Finito l’intervallo le attività riprendono. Le classi quinte gioiosamente raggiungono la sgargiante aula d’ inglese; un’altra classe si dirige in palestra utilizzando la scala da poco ricoperta e ristrutturata.
-Senti il ritmo che proviene dal laboratorio di musica?- E’ lo specialista Mario Milani che dirige con pazienza e bravura un gruppetto di alunni che si cimenta in una esecuzione molto divertente utilizzando lo strumentario Orff.
Una classe si “fionda” nell’ aula d’ informatica per una ricerca su Internet occupando le nove postazioni mentre le rimanenti classi si dirigono nelle rispettive aule.
Per prendere una boccata d’aria fresca, noi alunni, chiediamo alle insegnanti di andare ai servizi. Nei corridoi si sentono brandelli di spiegazione che giungono da ogni aula, alle voci squillanti e decise delle insegnanti si sovrappongono le risposte titubanti degli alunni.
In infermeria le bidelle sono sempre disponibili e pronte a ogni evenienza preparando bevande fumanti per bambini sofferenti.
Le collaboratrici scolastiche si occupano anche di “sfornare” a tutto gas fotocopie e di tirare a lucido i pavimenti.
Quando al suono della campanella le porte si aprono, le aule si svuotano e i corridoi si animano di voci festose, di richiami, di saluti, di suoni e rumori familiari, di occhi e visi sorridenti che per cinque anni ci hanno accompagnato e di cui dovremo, fra poco con tanta nostalgia, farne a meno.

Autori:Giulia, Andrea, Emanuele, Nicol, Marta, Angelo, Federico, Rocky, Christian, Lucrezia, Elena, Greta, Chiara G.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Certificazione di qualità

Pitagora